Categorie
Blog

Glossario dei termini chiave per la ricerca scientifica sull’adolescenza femminile (A-Z)

Glossario dei termini chiave per la ricerca scientifica sull’adolescenza femminile

(A-Z)

(sviluppato da Fiona Handyside, Danielle Hipkins e Peyker Özler – tradotto da Maria Elena Alampi)

Affect (Girl as) – Affetto (Ragazza come) (

Monica Swindle, in “Feeling Girl, Girling Feeling: An Examination of “Girl” as Affect”, Rhizomes 22 http://www.rhizomes.net/issue22/swindle.html, esamina “come l’età e il genere influenzano i sentimenti e le emozioni (sentimento del girling) ed intendere il termine ragazza, come stato affettivo che può influenzare ed essere usato per influenzare, come influenza ragazze e donne e come potrebbe essere usato per influenzare gli altri per respingere le forze che costringono le ragazze e le donne (sentirsi ragazza).’

Quando pensiamo all’affetto, possiamo pensare a come i sentimenti e le emozioni generati dalle rappresentazioni della fanciullezza e all’interno di esse (come si manifestano nella combinazione di narrativa, suono e immagine) potrebbero incoraggiarci a investire in determinate idee o ideologie.

Affective Dissonances – Dissonanze affettive

“Il neoliberismo è sostenuto da particolari investimenti affettivi di genere: come ad esempio spingere verso la perfezione, la fiducia e l’attenta osservanza delle regole del sentimento che impongono un piacevole equilibrio tra resilienza e disponibilità. Suggeriamo che all’interno della televisione recente, in gran parte negli Stati Uniti, si stiano mettendo in discussione alcune importanti mitologie attraverso l’articolazione della rabbia, dell’insicurezza, dell’ansia e della fiducia mal riposta delle giovani donne. Tali dissonanze affettive possono in una certa misura servire a problematizzare i miti sull’accessibilità e l’attrattiva di stili di vita orientati alla carriera altamente individualisti idealizzati nelle mitologie culturali delle ragazze come potenti “possono fare tutto”, Amy Shields Dobson e Akane Kanai, “Da “Can-do” Do” Girls to Insecure and Angry: Affective Dissonances in Young Women’s Post-recessional Media’, Feminist Media Studies, 2018, pp. 1-16

Age friction – Attrito di età

“La frizione dell’età è certamente una caratteristica regolare della cultura rappresentativa postfemminista, con innumerevoli “chick flicks” (film per ragazze) contemporanei che descrivono il personaggio della professionista più anziana come una donna cattiva, il protagonista come un modello anti-ruolo e una figura di calcolo, inganno e insicurezza” – Diane Negra, What a Girl Wants (London: Routledge, 2009), p. 75

Becoming a Woman – Diventare una donna

“La fanciullezza e la genitorialità sono coerentemente articolate in relazione a un ruolo futuro: chi o cosa sarà o farà la ragazza come donna”, Catherine Driscoll, Girls: Feminine Adolescence in Popular Culture and Critical Theory (New York: Columbia U Press, 2002 ), p.108.

‘Can-do’ girls and ‘At-risk’ girls Ragazze “possibili” e ragazze “a rischio”

Anita Harris classificò per prima questa distinzione influente nel discorso popolare tra “coloro che sono visti come resi vulnerabili dalle loro circostanze” (che si manifestano attraverso la delinquenza, la violenza, modelli disordinati di consumo) e coloro che sono in grado di abbracciare il “Girlpower” attraverso il successo al lavoro, consumo e capacità di ritardare la maternità, Future Girl: Young Women in the Twenty-First Century, Routledge, New York 2004, pp. 16-36.

Dance Narratives – Narrazioni di danza

I primi lavori di Angela McRobbie sulla danza hanno sottolineato la sua importanza per molte ragazze come modo di accedere alla cultura e alla sfera del lavoro attraverso fantasie popolari, dal romanzo Ballet Shoes, a Fame, a Flashdance. Nel suo saggio Racconti di danza e fantasie di successo (1991), scrive che “Il romanticismo della danza e l’importanza del lavoro si combinano in queste narrazioni popolari. Ci sono pochi altri luoghi nella cultura popolare in cui le ragazze troveranno modelli di ruolo così attivi e tali incentivi da raggiungere”. Queste narrazioni sono popolari tra i pre-adolescenti, sostiene McRobbie, perché “esplorano continuamente e ripetutamente le dinamiche di spostamento in uno spazio più indipendente che porta con sé la promessa di successo e allo stesso tempo tiene a bada le dinamiche più adolescenziali del successo sessuale”. (pag.217)

Disability Studies- Studi sulla disabilità

Feminist, Queer, Crip (2013) di Alison Kafer è interessante qui, in particolare il secondo capitolo del libro. Il capitolo parla di una ragazza nata con un grave difetto neurologico e di come l’intervento medico sia stato pianificato per arrestare la sua crescita mediante interventi chirurgici, trattamenti ormonali per regolare il suo sé cognitivo e il suo sé fisico. Il libro solleva interrogativi su come le idee normative sui corpi capaci limitino l’identità insieme a questioni di genere, sessualità e razza.

Elemental girlhoods- Adolescenti elementari

Fuoco, aria, terra, acqua – come si relaziona la ragazza con l’ambiente naturale, sia in relazione allo spazio rurale, ma anche in termini simbolici?

Femmininity- Femminilità

Hilary Radner considera se il genere “chick flick” (genere per ragazze) possa rappresentare un recupero dei piaceri associati alla femminilità. Secondo Radner, questi piaceri erano stati forse tralasciati dalle femministe della seconda ondata che hanno rivendicato il concetto del controllo sul corpo femminile, vedi Neo-Feminist Cinema: Girly Films, Chick Flicks e Consumer Culture (NY, Abingdon: Routledge, 2010)

Friendship – Amicizia

“Uno degli effetti del sentirsi una ragazza particolarmente seducente per le donne è il confine che si crea attorno ai corpi femminili piuttosto che tra di loro, l’attrazione delle amiche, l’esperienza di quelle amicizie facili e ridicole della giovinezza, una collettività di cui molte donne  sentono la mancanza da adulte incontrando invece ostilità e competizione’, Swindle

Future Girl- Futura ragazza

Anita Harris suggerisce che “[La giovinezza funziona] come uno spazio per le preoccupazioni su futuri sconosciuti, sulla capacità di avere successo e dominare nel cambiamento dei paesaggi sociali e culturali”, Harris, Future Girl, p. 2

Girlfriend Gaze- Sguardo dell’amica

“la figura dell’amica nella cultura dell’amicizia femminile maschera le tecnologie della governance misogina offrendo consigli e supporto attraverso una retorica amichevole”, Alison Winch, ‘The Girlfriend Gaze’ in Girlfriends and Postfeminist Sisterhood (Palgrave, 2013). La critica di Winch prende di mira i “media delle ragazze”: “che regolano il corpo e la libido attraverso reti di sorveglianza che raccolgono e mantengono il loro potere provocando sentimenti di vergogna e colpa”, pp. 30-32.

Hair-Capelli

‘il corpo materiale della ragazza, e in particolare i suoi capelli, è fatto per sostenere un approccio binario verso le questioni della religione e della modernità, così che lei diventi la prima figura attraverso la quale si articolano il rapporto tra Islam e Occidente, tradizione e modernità, patriarcato e femminismo […] lunghi e lisci capelli sono fatti per indicare un corpo “razzializzato” che è idealizzato come bianco, laico, agentico e autoritario ma anche adolescente e femminile”, Fiona Handyside, ‘The Politics of Hair: Girls, Secularism and the Veil in Mustang and Other Recent French Films’, Paragrafo 42:3 (2019), 351-369

Heterosexuality- Eterosessualità

“Il compito della Ragazza Single è incarnare l’eterosessualità attraverso l’uso disciplinato di trucco, abbigliamento, esercizio fisico e chirurgia estetica, collegando femminilità, cultura del consumo ed eterosessualità” – Hilary Radner, 1999, p. 15.

Hypervisibility – Ipervisibilità

“L’intensa pubblicità dell’adolescenza contemporanea: il modo in cui le ragazze sono prontamente disponibili al pubblico, in modo simile al modo in cui ogni aspetto della vita di una celebrità è un bersaglio per la discussione, la valutazione e il consumo”, Sarah Projansky, Introduzione a Spectacular Girls ( NYUP, 2014), pag. 7

Incest motif – Motivo di incesto

Kathleen Rowe Karlyn ha identificato la funzione della ragazza nel motivo dell’incesto cinematografico “per invertire ideologicamente le realtà sociali del privilegio maschile bianco”. Prendendo ad esempio il film  American Beauty (Mendes, 1999) come caso di studio, identifica una struttura che “riorienta la simpatia verso gli eroi di mezza età dipingendoli come vittime di mogli sconvolte o vendicative, figlie seducenti e manipolatrici” (p. 53). Rowe Karlyn non è la prima critica ad osservare una preoccupazione culturale per la dinamica dell’incesto padre-figlia. In effetti, attinge al seminale Daddy’s Girl di Valerie Walkerdine, che ha riconosciuto ciò nei fumetti di Annie e Daddy Warbucks degli Stati Uniti degli anni ’50, dove “possiamo vedere che le figure materne sono state bandite come cattive e crudeli e la partnership che sopravvive meglio è quella di padre e figlia. Abbiamo certamente l’eccitazione delle relazioni proibite, un’eccitazione che credo, in una forma o nell’altra, ricorra nelle presentazioni delle bambine nei media.” Tuttavia, mentre l’attenzione di Walkerdine era sulle bambine, il lavoro di Rowe Karlyn considera la dinamica dell’incesto in relazione a un gruppo di “adolescenti” più anziani che è emerso con particolare forza insieme alle rivendicazioni postfemministe del piacere femminile. Né questo tipo di analisi è stato limitato alla cultura statunitense. Nel 1992 Ginette Vincendeau ha riconosciuto che «l’asse simbolico, o in alcuni casi effettivo, padre-figlia costituisce un “racconto-racconto” su cui il cinema francese è ripetutamente tornato, sfidato o rielaborato”. Più recentemente, Hipkins sostiene che esiste una funzione simile in gioco nel cinema italiano contemporaneo.

Kathleen Rowe Karlyn, Unruly Girls, Unrepentant Mothers: Redefining Feminism on Screen (University of Texas Press, 2011); Valerie Walkerdine, Daddy’s Girl: Young Girls and Popular Culture (Cambridge, MA: Harvard University Press, 1997); Ginette Vincendeau, ‘Family Plots: The Fathers And Daughters Of French Cinema’, Sight and Sound, March, 1992, pp. 14–17 (p. 15); Danielle Hipkins, ‘Figlie di papà? Adolescent girls between the ‘incest motif’ and female friendship in contemporary Italian cinema’, The Italianist, 35, 2015, 1-25.

Innocence- Innocenza

Cosa rende innocente una ragazza? Una domanda importante posta da R. Danielle Egan e Gail Hawkes è perché “l’innocenza richiede l’aggiramento della sessualità” (Egan e Hawkes (2008), p. 16. Inoltre ci chiediamo se esistono anche altri modi di rappresentare la crescita delle ragazze indipendentemente dal loro comportamento sessuale?

Intersectionality – Intersezionale

“Un concetto ampiamente attribuito a Kimberlé Crenshaw (1989), il quale sostiene che la tendenza a considerare razza e genere come categorie separate e che si escludono a vicenda non riesce a spiegare come vengono vissuti come assi di doppia oppressione per le donne di colore”, Alison Harvey, Feminist Media Studies (Cambridge: Polity Press, 2020), p. 19.

Intimate public of girlhood- Pubblico intimo della fanciullezza

In The Aesthetic Pleasures of Girl Teen Film, Sam Colling sostiene che “i film per adolescenti mirano ad esprimere ciò che è comune tra le ragazze, specialmente sotto forma di desideri, fantasie e piaceri. Seguendo Berlant (2008), possiamo descrivere questi film come parte del pubblico intimo dell’adolescenza”. Come descrive Lauren Berlant (ibid.: 5): “Un pubblico intimo opera quando un mercato si apre a un blocco di consumatori, pretendendo di far circolare testi e cose che esprimono i particolari interessi e desideri centrali di quelle persone”. Il pubblico intimo dell’adolescenza mira a sentirsi come se esprimesse ciò che è comune tra le ragazze e così facendo sostiene l’associazione di desideri, fantasie, affetti e piaceri specifici con l’adolescenza”, p. 116. Cfr. anche Fiona Handyside sulla creazione di tali pubblici intimi della fanciullezza nell’opera di Sofia Coppola, (Sofia Coppola: A Cinema of Girlhood, IB Tauris, 2017, p. 115), sostiene che ‘il paradosso del pubblico intimo come spazio che offre alle ragazze connessioni emotive, valorizza l’esperienza soggettiva della femminilità, ma nega brutalmente l’impatto della differenza di genere, classe e razza.’

“Jouissance”

Termine emergente dalla psicoanalisi (Lacan) che è stato ripreso da teoriche femministe come Luce Irigaray, per denotare il piacere femminile, in particolare relativo alla sessualità, al materno e ai legami tra donne. Felicity Colman collega questo all’amicizia femminile nell’adolescenza nel suo articolo: (2005) ‘Hit Me Harder: The Transversaality of Becoming-Adolescent’, Women: a Cultural Review, 16:3, 356-371

Killjoy (Femminista) (da Sara Ahmed, ‘Feminist Killjoys (and other Willful Subjects)‘, http://sfonline.barnard.edu/polyphonic/ahmed_02.htm#:~:text=The%20feminist%20subject%20%22in%20the%20room%22%20hence%20%22brings,that%20happiness%20can%20be%20found%20in%20certain%20places, p.2)

‘La femminista uccide la gioia degli altri indicando momenti di sessismo? Oppure espone i cattivi sentimenti che vengono nascosti, spostati o negati sotto pubblici segni di gioia? I cattivi sentimenti entrano nella stanza quando qualcuno esprime rabbia per le cose, o la rabbia potrebbe essere il momento in cui i cattivi sentimenti che circolano attraverso gli oggetti vengono portati in superficie in un certo modo? Il soggetto femminista “nella stanza” quindi “abbassa gli altri” non solo parlando di argomenti infelici come il sessismo, ma esponendo come la felicità sia sostenuta cancellando i segni di non andare d’accordo. Le femministe uccidono la gioia in un certo senso: disturbano la fantasia stessa che la felicità si possa trovare in certi luoghi. Uccidere una fantasia può ancora uccidere un sentimento. Non è solo che le femministe potrebbero non essere felicemente colpite da ciò che dovrebbe causare felicità, ma il nostro fallimento nell’essere felici viene letto come un sabotaggio della felicità degli altri’.

Kinaesthetic pleasures – Piaceri cinestetici

Molto utile per pensare di guardare il corpo della ragazza mentre fa sport o balla: ‘I film sportivi per adolescenti variano a seconda del grado in cui interagiscono con i “muscoli e i tendini” del corpo in corso, ma mirano tutti a rappresentare cosa si sente quando ci si allena e a raggiungere momenti di successo fisico. Lo spettatore audio è incoraggiato a essere cinestesicamente investito nello sforzo, nella resistenza e nel dolore coinvolti nel divenire del corpo e nella gioia edificante del corpo momentaneamente perfezionato. In entrambi i casi il corpo stesso diventa una superficie, progettata per generare piaceri ed esperienze cinestetiche del corpo della ragazza che si estende oltre i suoi confini apparenti’. Sam Colling The Aesthetic Pleasures of Girl Teen Film (Bloomsbury, 2017), p. 77.

Luminosities (Postfeminist) – Luminosità (Postfemminista)

Donne e ragazze sono evocate in quello che Angela McRobbie (2009) descrive come “spazi di luminosità” (54), che danno loro visibilità e le proiettano come simboli di uguaglianza di genere e meritocrazia. La studiosa preferisce il termine deleuziano “luminosità” rispetto al “panopticon” di Foucault, poiché questo “effetto teatrale […] addolcisce, drammatizza e maschera le dinamiche regolative” (54). Pertanto, queste luci lavorano per enfatizzare l’uguaglianza delle donne nella sfera pubblica, nascondendo le disuguaglianze di vecchia data che ancora gravano sulla vita delle donne sia nella sfera privata che in quella pubblica.

Make-over/ make-under narratives – Narrazioni make-over/make-under

Sarah Gilligan identifica due tipi di trasformazione cinematografica: “nella prima, il soggetto inizia come “naturale” o “messo sotto (made under)” e successivamente viene “migliorato” attraverso i processi del restyling; nel secondo, viceversa, il soggetto inizia come “truccato”, prima di essere “tirato su (make-over)” per apparire più “naturale” (e quindi più desiderabile).’ Sarah Gilligan, ‘Performing Postfeminist Identities’ in Melanie Waters (a cura di), Women on Screen (Londra: Palgrave Macmillan, 2011), p. 170.

Masquerade (Postfemminista)

La femminilità come mascherata, un concetto concepito per la prima volta da Rivière, che è stato ulteriormente sviluppato da teoriche femministe come Butler (1990) e McRobbie (2009). Questa idea inquadra la femminilità non solo in termini di una “performance” (Butler), ma come una “mascherata” che lavora per attenuare la minaccia all’ordine di genere quando le donne entrano nei domini maschili e per rassicurare che le donne non rappresentano una minaccia per il dominio maschile (McRobbie 2009).

Matrophobia -Matrofobia

Spiegando ulteriormente la persistenza del motivo dell’incesto, Rowe Karlyn suggerisce che ‘il mondo delle ragazze tende ad essere identificato con il papà, un riconoscimento agrodolce che indica che fuori è ancora un mondo per uomini”, Rowe Karlyn, p. 98. Sostiene che le madri sono pervasivamente assenti, o addirittura ritratte negativamente nella cultura postfemminista, attingendo al fenomeno culturale di vecchia data della matrofobia (vedi Adrienne Rich). ‘La sorellanza era il grido di battaglia della Seconda Ondata, e mentre le rappresentazioni della sorellanza o dell’amicizia femminile hanno cominciato ad apparire con più frequenza nella cultura popolare, il legame madre-figlia, un modello chiave di connessione femminile, rimane invisibile e inesplorato.’ (Rowe Karlyn, pag. 8). Ciò è ancora vero quasi dopo un decennio?

Kathleen Rowe Karlyn, Unruly Girls, Unrepentant Mothers: Redefining Feminism on Screen (University of Texas Press, 2011)

Melancholia- Malinconia

Riprendendo il concetto di melanconia di genere di Judith Butler e Angela McRobbie, quest’ultima studiosa delinea come il femminismo sia diventato un oggetto del desiderio perduto per le ragazze e le giovani donne, mentre Marnina Gonick usa questa nozione per esplorare come opera la melanconia: non come una modalità di sofferenza, ma come una modalità di agenzia sovversiva. Angela McRobbie, ‘Illegible Rage: Post-Feminist Disorders’, in The Aftermath of Feminism: Gender, Culture and Social Change (Los Angeles e Londra: SAGE, 2009), 94-123; Marnina Gonick, “Indigenizing Girl Power”, Feminist Media Studies 10, n. 3 (2010): 305-319.

Newly Emergent Feminisms – Femminismi emergenti

Vedete una nuova (quarta?) ondata di femminismo prendere slancio adesso? Viviamo in un periodo di post-postfemminismo?

Rosalind Gill, ‘Post-postfeminism?: new feminist visibilities in postfeminist times’, Feminist Media Studies (2016), 16:4, 610-630

Jessalyn Keller and Maureen E. Ryan, ‘Introduction: Mapping Emergent Feminisms’, in Emergent Feminisms: Complicating a Postfeminist Media Culture (New York and London: Routledge, 2018), pp. 1-21

Othering- Altro

Nel suo saggio “The Rani of Sirmur” (1985), Gayatri Spivak esamina tre dimensioni dell’altro che si trovano negli archivi della potenza coloniale britannica in India. La prima dimensione riguarda il potere che ci rende consapevoli di chi lo detiene e l’altro diventa il subordinato. La seconda dimensione riguarda la creazione del subordinato come moralmente inferiore. La terza dimensione riguarda la conoscenza che appartiene al sé potente, non al coloniale. Ciò che è importante nella definizione di “altro” di Spivak è che non è fascino o esotismo. È un modo per costruire l’altro come inferiore. Queste dimensioni affermano la legittimità del potente, quindi – qui – si potrebbe pensare alle possibilità di determinazione e di formazione dell’identità tra i subordinati.

Precarity and plutocracy – Precarietà e plutocrazia

Come spiega Diane Negra, è un errore pensare alla recessione come a un evento discreto. ‘Quella che chiamiamo recessione è solo la fase più cospicua di un più ampio cambiamento economico e sociale. E per molte persone, lo yin e lo yang della recessione e delle narrazioni della ripresa non sono più particolarmente significativi […] Ci sono cambiamenti più grandi e meno ciclici nella soggettività economica in atto’ (in Gill 2014: 728). Questi cambiamenti nella soggettività economica hanno un impatto sul femminismo e su come immagina una performance di successo dell’adolescenza. Mentre la politica neoliberista incanala il denaro verso un’élite altamente ricca, l’assistenza sociale diminuisce e l’occupazione sicura viene sostituita da contratti precari sempre più prodotti all’interno di una gig economy e l’adolescenza è immaginata come una conquista imprenditoriale. Il femminismo viene associato a un’éite plutocratica, da Beyoncé a Ivanka Trump – sul femminismo plutocratico vedi Diane Negra e Hannah Hamad, “The New Plutocractic (Post)feminism”, in The New Feminist Literary Studies a cura di Jennifer Cooke (Cambridge, 2020).

“Phallic Girl”

Angela McRobbie (2009) sostiene che negli ultimi anni le donne sono entrate in alcuni domini maschili che imitano il comportamento maschile, come bere, imprecare, essere arrestate, fare sesso occasionale, ecc. McRobbie analizza l’emergere di tali soggettività e suggerisce che le donne eterosessuali possono disturbare i ruoli di genere e le giovani donne possono rivendicare l’uguaglianza con i loro coetanei maschi impegnandosi in comportamenti tradizionalmente maschili. La ragazza fallica mostra la sua uguaglianza agli uomini partecipando ad attività simili a quelle dei suoi coetanei maschi. Tuttavia, può farlo solo se si presenta come femminile in termini di desiderabilità eterosessuale. Il personaggio di Amy Schumer in Un disastro di ragazza (Apatow, 2015) è un buon esempio di questo modello.

Postfeminism – Postfemminismo

Il postfemminismo non è un movimento, ma un modo di parlare di alcuni aspetti dominanti della cultura popolare contemporanea degli ultimi venticinque anni, particolarmente visibili nei media mainstream, che hanno “dato per scontato il femminismo” e si sono concentrati sulla celebrazione della singola donna come party girl, consumatrice e sessualmente libera. Molti critici (Gill, McRobbie, Negra) sono critici su ciò che il postfemminismo nasconde in questa celebrazione, vale a dire la “ri-tradizionalizzazione” dei ruoli di genere, le disuguaglianze continue, basate sulle intersezioni di genere, classe e razza, nonché la pressione che il postfemminismo esercita sulle donne attraverso la cultura dei media, con la sua enfasi sull’ipervisibilità, la conoscenza sessuale e la spinta all’autoperfezione. Poiché il postfemminismo tende a sorvolare sugli aspetti più complicati della femminilità (ad esempio, il divario retributivo di genere e gli effetti a lungo termine della disuguaglianza sulle carriere e sulle finanze delle donne), la sua attenzione tende a concentrarsi sull’adolescenza o sulle “donne ragazze”. In molti modi, il momento postfemminista rafforza il discorso della società dei consumi neoliberista o tardo capitalista, in cui l’individuo è dipinto come interamente responsabile del proprio successo. Per questi critici la figura della ragazza diventa anche l’incarnazione perfetta del soggetto neoliberista, poiché è tradizionalmente un punto focale per lo sguardo e ha sceneggiature di autoperfezionamento già scritte nei modi del suo divenire.

‘Il postfemminismo si ritira dalla contemplazione delle disuguaglianze strutturali promosse dal femminismo, proponendo diagnosi della femminilità che prendono il posto delle analisi della cultura politica o economica […] Il postfemminismo codifica ed essenzializza la femminilità, insistendo incessantemente sul fatto che tutte le donne siano legate da un insieme comune di desideri, paure e preoccupazioni innati’, Negra, 2009, p. 5, pag. 12.

‘La cultura postfemminista tende a incorporare, assumere o naturalizzare aspetti del femminismo; e funziona anche per mercificare il femminismo attraverso la figura della donna come “consumatrice autorizzato” ‘(Tasker e Negra, 2007, p. 2)

Postfeminist Mystique – Mistica postfemminista

Attingendo al concetto classico di Betty Friedan di “la mistica femminile”, un termine da lei coniato per suggerire che alle donne veniva detto che la casalinga e la maternità avrebbero fornito tutto ciò di cui avevano bisogno per la realizzazione personale, Rebecca Munford e Melanie Waters hanno infatti sviluppato l’idea della mistica postfemminista in Feminism and Popular Culture: Investigating the Postfeminist Mystique: Explorations in Post-feminism (I.B.Tauris, 2013) e hanno notato come la cultura popolare rivisiti i periodi appena precedenti alle grandi conquiste femministe, come gli anni ’50, e lo fa con “nostalgia ingenua”. Tuttavia, ‘mentre l’ossessione della mistica postfemminista spesso si presenta come un esteso esercizio di nostalgia (parte da un lamento elegiaco per un passato che il femminismo minacciava di estinzione), i suoi spostamenti temporali rendono possibile un processo di recupero culturale senza fine che potrebbe, in altri momenti, salvare e far rivivere il femminismo stesso. […] La ridistribuzione delle immagini del passato serve il motivo radicale del presente femminista organizzando una nuova chiamata alle armi femminista’, pp. 169-171.

Postfeminist sensibility – Sensibilità postfemminista

Per Ros Gill ciò è definito in particolare da: la nozione di femminilità come proprietà corporea; il passaggio dall’oggettivazione alla soggettivazione; un’enfasi sull’auto-sorveglianza; un focus sull’individualismo, la scelta e l’empowerment; il predominio di un paradigma di rifacimento; una rinascita di idee sulla differenza sessuale naturale.

Ros Gill, ‘Postfeminist Media Culture: Elements of a Sensibility’, European Journal of Cultural Studies 10:2 (maggio 2007), 147-166

Queer Temporalities of Feminism – Temporalità queer del femminismo

Nell’introduzione a Queer Temporalities of Feminism (Routledge, 2016), Sam McBean sostiene che il femminismo come movimento dimostra una “temporalità queer” e suggerisce che il femminismo è vissuto come una serie di temporalità queer, cioè vissuto come “fuori dal tempo”. La definizione di temporalità queer di McBean è anti-generazionale, cioè rifiuta l’idea che il femminismo sia un’eredità concessa dai predecessori matriarcali. Le letture di McBean, l’analisi testuale e le letture ravvicinate di Antigone, la fantascienza utopica degli anni ’70, gli archivi riot grrrl e i manifesti femministi rivisitano momenti vitali in un diverso canone femminista. McBean non è d’accordo con la convinzione che “l’eredità generazionale sia il mezzo principale attraverso il quale il femminismo si riproduce” (7).

Rage (illegible) – Rabbia (illeggibile)

Angela McRobbie teorizza l’esistenza di una “rabbia illeggibile” nella cultura postfemminista che proclama che le ragazze “hanno tutto” quando le loro vite sono ancora di fatto limitate, facendole ammalare (Angela McRobbie, The Aftermath of Feminism: Gender, Culture and Social Change, Londra: Sage, 2009). Più di recente, Sarah Banet-Weiser legge una rivendicazione della rabbia nel femminismo popolare in Empowered (Duke, 2018) che collega anche all’ascesa della “misoginia popolare” confermata dall’elezione di Donald Trump a presidente negli Stati Uniti. Signs: Journal of Women in Culture and Society ha recensito Rage Becomes Her di Soraya Chemaly nella sua serie “Short Takes”, in cui eminenti studiose femministe discutono di un libro che sta plasmando le conversazioni femministe popolari su questioni chiave. I revisori hanno commentato come il libro di Chemaly si unisce al lavoro di Brittney Cooper e Rebecca Traister nel documentare un aumento della performance pubblica della rabbia femminile nel contesto statunitense. Discutono di come Chemaly sostenga lo sviluppo della “competenza della rabbia” da parte delle donne e discutono dell’idea che questo potrebbe non essere sempre progressista, discutendo di come anche la politica di destra del diritto si nutre di rabbia. La rivista Feminist Media Studies ha dedicato la sua sezione “Commentary and Criticism” di aprile 2019 ad esplorare questo cambiamento nel tono emotivo del femminismo contemporaneo, poiché la rabbia delle donne diventa sempre più leggibile all’interno delle forme dei media popolari e commerciali, nonché nelle sfere dell’attivismo politico e protesta. Jilly Boyce Kay spiega che la cultura dei media globalizzata sembra accogliere nuovamente la rabbia femminile e i suoi commentatori esplorano fino a che punto questa rabbia potrebbe portare a un cambiamento politico e fino a che punto potrebbe fornire una “valvola di sicurezza” per le donne che le culture dei media capitalisti possono ricalibrare e cooptare.

Resilience – Resilienza

La resilienza è diventata una caratteristica fondamentale dell’adolescenza contemporanea (post 2008?). Robin James identifica la resilienza come il superamento dell’oppressione basata sull’identità “in modi socialmente redditizi”, offrendo ai soggetti (spesso emarginati) l’inclusione all’interno dei sistemi neoliberali di potere sociale e politico. In Resilience and Melancholy: Pop Music, Feminism, Neoliberalism (2015), James esamina le manifestazioni del discorso sulla resilienza nell’estetica della musica pop contemporanea e come queste siano collegate al capitalismo neoliberista. Per James la resilienza non è caratterizzata dalla propria capacità di sopravvivere alle avversità, ma dalla capacità di superare il trauma o la sofferenza convertendoli in plusvalore. Secondo James, poiché la resilienza è diventata uno degli indicatori chiave per la creazione di valore sociale, alcune forme di trauma e sofferenza vengono così naturalizzate. È importante sottolineare che James delinea una forma specificamente di genere di discorso sulla resilienza, spiegando che laddove la femminilità normativa tradizionale era apertamente incentrata sulla fragilità e sulla passività, nel nostro momento contemporaneo la vitalità sociale si basa sul “superamento visibilmente degli effetti negativi della femminilizzazione” (2015: 82).

Sexualisation – Sessualizzazione

In risposta alle affermazioni secondo cui le ragazze vengono “sessualizzate” dalla pornografia (Nair, 2005) della cultura, alcune critiche femministe hanno sottolineato che anche qui le ragazze sono polarizzate, come “vittime oggettive passive della sessualizzazione o come esperti navigatori della sessualizzazione”. . [http://www.onscenity.org/sexualization/#blogf [consultato il 6 giugno 2011].

R. Danielle Egan e Gail Hawkes suggeriscono “la natura deterministica del discorso sulla sessualizzazione fonde inconsapevolmente l’espressione sessuale nelle ragazze con la sessualizzazione” (Egan e Hawkes, p. 4). La differenza è importante che Egan continua ad esaminare nel suo libro Becoming Sexual: una valutazione critica della sessualizzazione delle ragazze (Cambridge, UK; Malden, MA: Polity, 2013, p. 24. Lì sostiene che nella cultura popolare “la ragazza sessualizzata è venuta a sostituire un altro simbolo di vecchia data del decadimento culturale – la donna caduta”, p. 24. Ciò che il potere di questa immagine oscura è la questione di come le ragazze stesse sperimentano il diventare comunque sessuali (probabilmente non è solo un effetto dei media !). Quello che Egan descrive come “l’effetto ipodermico” – o l’idea che le ragazze assorbano semplicemente le idee sessuali dai soli media – copre la possibilità che le ragazze sperimentino davvero il desiderio sessuale alle loro condizioni. Come potrebbe il cinema sfidare questa tendenza ?

Sparkle – Scintilla

‘lo scintillio della vita moderna negli Stati Uniti’ è ‘travolgente per razza, classe, genere e età, con le giovani donne bianche della classe media i suoi principali obiettivi e sostenitori […] il panorama visivo dell’adolescenza, presentato in modi molto più sommessi solo 10 anni fa, ora è dominata da una brillante brillantezza’. Mary Celeste Kearney, “Sparkle: luminosità e media post-girl power”, Continuum: Journal of Media & Cultural Studies, 2015

Puoi anche vedere questa epigrafe videografica che ho realizzato ispirandomi all’enfasi del saggio sul vedere lo scintillio dal punto di vista delle ragazze:

Spectacularization – Spettacolarizzazione

Sarah Projansky ha descritto come funziona la “spettacolarizzazione” dell’adolescenza nei media statunitensi, creando ansia e ambivalenza, e (di solito) un bianco esclusivo, le condizioni dell’aspetto delle ragazze come “oggetti visivi di visualizzazione”. Projansky suggerisce che le ansiose dicotomie tra ‘adorazione e denigrazione’, tra la ragazza ‘può fare’ di ‘Girlpower’, e la ragazza vulnerabile ‘a rischio’, strutturano interpretazioni contemporanee della fanciullezza, in cui la ragazza può facilmente muoversi tra il polarità e trasformarsi da ‘favoloso’ in ‘scandalo’.

Suffering actor – Attore sofferente

Anita Harris e Amy Shields Dobson coniano questo tropo come un possibile mezzo per superare la dicotomia tra agenzia e vittimismo nel periodo post-girl power (la polarizzazione del possibile/a rischio). Attingono al termine “attore sofferente” per “catturare sia la ferita che l’azione”, insistendo sul fatto che “all’interno delle condizioni post-girlpower dobbiamo forse essere in grado di descrivere esperienze di dolore, oppressione e sofferenza al di fuori dei termini di “vittima” e all’interno un quadro che riconosca la capacità di agire” (p. 153).

Anita Harris e Amy Shields Dobson (2015) “Agenzia teorizzante nei tempi post-girlpower“, Continuum: Journal of Media & Cultural Studies, 29: 2, 145-156.

Time Crisis- Crisi del tempo

In What a Girl Wants Diane Negra sottolinea che “uno degli attributi distintivi della cultura postfemminista è la sua capacità di definire varie fasi della vita femminile all’interno dei parametri del “panico temporale”” (p. 47), portando a un'”intensa calendarizzazione” (pag. 50) della vita delle donne. Se “l’età adulta femminile è definita come uno stato di crisi temporale cronica” (p. 48), c’è un effetto a catena, sostiene Susan Pickard, per le giovani donne poiché “le opinioni negative sulla donna di mezza età rafforzano ulteriormente il panico temporale in the Girl così come la scarsità di ruoli alternativi a quello di moglie/madre nella mezza età” (Age, Gender and Sexuality Through the Life Course, Routledge, 2018, p. 3).

Tomboy- Maschiaccio

«il maschilismo è tollerato fintanto che il bambino rimane prepuberale; non appena inizia la pubertà, tuttavia, tutta la forza della conformità di genere scende sulla ragazza” (Jack Halberstam, Female Masculinity, Duke University Press, 1998: 6)

Utopia

“Il nucleo dell’utopia è il desiderio di essere diversamente, individualmente e collettivamente, soggettivamente e oggettivamente. Le sue espressioni esplorano e mettono in discussione le potenziali preoccupazioni e i contesti della fioritura umana. È quindi meglio inteso come un metodo che come un obiettivo” (Ruth Levitas, Utopia as Method: The Imaginary Reconstitution of Society, p. xi)

Voice – Voce

Anita Harris sostiene che le voci delle ragazze sono spesso ancora distorte e mercificate anche quando arriviamo a sentirle: “Le conseguenze dell’incitamento al discorso”, sostiene, “sono simili a quelle che Foucault documenta nel caso della sessualità: la regolamentazione , sorveglianza, appropriazione e controllo” (Future Girl, p. 142). In una nota più brillante, osserva che: “le nuove forme di social media minacciano la posizione degli adulti come uniche “autorità e mediatrici delle voci delle giovani donne”. Si veda anche il recente lavoro di Jilly Boyce Kay sul bisogno della giustizia comunicativa dove lei argomenta che  non si tratta di dare agli individui la possibilità di ‘trovare la loro voce’, ma di trasformare collettivamente l’intero terreno comunicativo in modo che il discorso delle donne sia ugualmente apprezzato.

Wave metaphor – Metafora dell’onda

In una recente presentazione di un libro, Alison Harvey ha citato l’osservazione di Lynn Spiegel (in Signs) secondo cui la metafora dell’onda, quando applicata al femminismo, “mette le vecchie femministe sulla spiaggia”. Il femminismo è, sostiene Harvey, un “terreno doloroso e disordinato” e la metafora dell’onda rischia di mettere le generazioni l’una contro l’altra. Come sostiene Harvey nel suo libro, “è necessario riflettere su chi beneficia di un focus sul disaccordo piuttosto che sul potenziale potere offerto dalla formazione di collettivi intergenerazionali attraverso le onde” (p. 5-6). Comprendendo l’ideologia femminista come comprendente l’idea che la nostra società sia modellata da relazioni di potere ineguale basate sul genere, fornisce comunque un nuovo resoconto delle quattro ondate, con un focus sul ruolo dei media e il significato del femminismo intersezionale (che affronta altre forme di sottomissione, in particolare basate sulla razza). (Alison Harvey, Feminist Media Studies, Polity Press, 2020).

XXY

Un film della regista argentina Lucia Puenzo (2007) che racconta la storia di una protagonista intersessuale, che rifiuta le compresse ormonali che ha preso per assicurarsi un’identità di ragazza. Invece afferma il suo diritto di esistere senza intervento medico o la necessità di scegliere un sesso o un genere. Fino a che punto una tale narrazione potrebbe mettere in discussione i fondamenti delle identità basate sul genere?

Youth culture – Cultura giovanile

Che ruolo giocano i media nella vita delle ragazze e nella costruzione della cultura femminile? (Vedi Handyside, International Cinema and the Girl, p. 2 per ulteriori riferimenti in questo settore).

Zero

Dove speriamo di vedere un giorno il divario retributivo di genere!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.